Modelli Amministrazione APIs Aziende Moderne - MuleSoft Anypoint Platform

Il modello di amministrazione delle API può risultare problematico a causa delle complessità dovute a diversi fattori: contesto aziendale, responsabilità, sistemi condivisi e altro ancora.

Una linea guida utile per capire come sviluppare un efficiente modello di amministrazione che abbia senso per la tua organizzazione, è considerare in che modo le APIs saranno utilizzate in un contesto aziendale.

Ciò include le modalità con cui le APIs sono condivise tra i diversi stakeholder in tutta l’organizzazione, il grado di vicinanza delle APIs alla customer experience e il livello di utilizzo di metodologie DevOps.

Allo stesso modo, dovrebbero essere previsti incentivi e processi organizzativi per assicurare una buona gestione e un processo decisionale interdisciplinare equilibrato.

Fondamentale, è anche lo stato di maturità aziendale in merito a temi di modernizzazione che vanno dall'architettura di business, allo sviluppo di APIs, alla gestione del debito tecnico, sistemi di monitoraggio etc.

Amministratori di APIs Tecniche vs. Amministratori di APIs per il Business

Amministratore delle APIs di Business

La responsabilità principale dell’amministratore di APIs di business è giustificare l’esistenza e la continua operatività delle APIs. La attività tipiche dell’amministratore delle APIs di business sono:

  • capire le esigenze di potenziali consumatori di APIs;
  • essere responsabile delle finalità di business e dei SLA (Service Level Agreement) dell’azienda:
  • comunicare il valore di business delle APIs;
  • dirigere i processi di implementazione delle APIs, rilascio e strategia evolutiva;
  • assicurarsi che le funzionalità aziendali delle APIs siano completamente documentate, pubblicate, oltre che individuabili e accessibili;
  • assicurarsi che gli standard di utilizzo delle API da parte dei clienti siano completi e ottimizzati;
  • definire, monitorare, agire e comunicare i KPI aziendali relativi alle APIs secondo necessità;
  • identificare, gestire e comunicare problematiche aziendali e richieste di miglioramento;
  • integrare tutte le questioni di business relative alle richieste di miglioramento attraverso una roadmap API.

Amministratore delle APIs Tecniche

La responsabilità principale dell’amministratore di APIs tecniche è garantire l’implementazione, la gestione e l’evoluzione delle APIs in conformità alle best practices e agli standard aziendali. La attività tipiche eseguite dagli amministratori di APIs tecniche sono le seguenti:

  • sviluppare APIs e i loro flussi così come implementare richieste di modifica;
  • amministrare l’API Operational-level Agreement (OLA) e garantire che soddisfi gli obiettivi in termini di disponibilità, performance, sicurezza etc.;
  • definire, monitorare, intervenire e comunicare i kpi tecnici quando richiesti e connettere le perfomance API con problematiche OLA e SLA;
  • assicurarsi che le capacità tecniche delle APIs siano individuabili e accessibili oltre che completamente documentate e pubblicate;
  • assicurarsi che gli standard per sviluppatori di API siano articolati e rispettati;
  • identificazione, gestione e comunicazione dei collegamenti di APIs sui sistemi sottostanti;
  • identificazione, gestione e comunicazione di problemi tecnici e richieste di miglioramento;
  • integrare le richieste tecniche di miglioramento in una roadmap API.

Amministrazione delle APIs: Considerazioni Aggiuntive

Il miglior candidato ad amministratore di API per il Business è la persona che ha un vero e proprio interesse nell'amministrare il cambiamento e rilascio del servizio di business realizzato dalle APIs.

Al di là dell’aspetto di sperimentazione e innovazione, sviluppare APIs senza una roadmap ben precisa o una piena comprensione delle necessità di business non è una buona strada da seguire.

In questo contesto, Business Manager e IT manager dovrebbero collaborare – i Business Manager dovrebbero gestire la parte relativa a strategie API e roadmap in un contesto di processo; l’IT dovrebbe gestire gli aspetti tecnici, come quelli architetturali e gli standard operativi, implementazione di rilasci e modifiche, gestione delle problematiche etc.

È necessario che gli amministratori delle APIs abbiano un’esperienza adeguata, disciplina in materia e competenze necessarie per prendere decisioni in merito ai cicli di rilascio ed eventuali modifiche.

È importante notare che alcune APIs non supportano direttamente una funzione di business. Per esempio, un’API utilizzata per l’autenticazione degli utenti è molto importante, ma non direttamente correlata a una funzione aziendale.

Questa tipologia di API necessita di un amministratore di APIs tecniche per garantire che la funzionalità richiesta sia disponibile per altre APIs/applicazioni.

A seconda dell’importanza dell’API, di quale scenario o quali utenti supporti o in base alle strategie di organizzazione delle risorse, è possibile avere figure amministratrici sia di APIs tecniche che di business.

Questa proprietà condivisa può essere problematica in alcune culture organizzative, anche se i modelli di proprietà collaborativa hanno, in genere, il potenziale più elevato per un’operatività più efficiente e delivery più fluide.

Supponendo che l’azienda abbia adottato le metodologie DevOps in una certa misura, il team che sviluppa l’API dovrebbe anche eseguirla. Idealmente, l’amministratore di un’API tecnica dovrebbe appartenere al team che ha sviluppato l’API stessa.

Se invece non è presente una cultura DevOps in azienda (l’API è sviluppata da un team ed eseguita da un altro), dovrebbe essere assegnato un amministratore di API tecnica quando l’API deve essere modificata.

Il modello di amministrazione delle APIs dovrebbe essere considerato indefinito in quanto, probabilmente, cambierà nel tempo in base alle mutevoli esigenze dell’azienda. Tuttavia, implicita nell'autorità concessa ad un amministratore di APIs tecniche o di business è la responsabilità di gestione delle stesse che va oltre le semplici necessità di business.

MuleSoft è la soluzione utilizzata da oltre il 35% delle aziende Fortune 500, fra cui Netflix, GE, Unilever, Tesla, MIT, AT&T, McDonalds, eBay, Spotify, Coca-Cola e NASA.

Sfruttando la piattaforma MuleSoft, le aziende possono ri-progettare con semplicità la propria infrastruttura IT ed unificare sistemi legacy, SaaS e piattaforme proprietarie con oltre 120 connettori Plug & Play già pronti e con nuovi connettori personalizzati grazie alla suite Mulesoft Design Center.

Per avere maggiori informazioni su MuleSoft Anypoint Platform invia una mail a cio@florence-consulting.it oppure chiama lo (055) 538-3250.

Visita questa pagina per ricevere ulteriore materiale informativo o richiedere una demo gratuita.

In alternativa, puoi compilare il form sottostante con la tua domanda.

Related stories